November 21, 2018

Please reload

Post recenti

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post in evidenza

Fantuz...il campione italiano alla Brunello Crossing

January 23, 2018

 


Stefano Fantuz , campione italiano 2017 di Trail lungo e prossimo concorrente nel Brunello Crossing .

È la prima volta che sei in Valdorcia per un trail se non erro ?
Sono rimasto molto colpito per come sia stata partecipata lo scorso anno , chi me ne ha parlato si è soffermato sulla bellezza del luogo perciò mi sono iscritto con molto entusiasmo e sono incuriosito relativamente a quanto mi troverò davanti .

Come si svolgono i tuoi allenamenti ?
Dal 2016 ho un preparatore che mi segue , optiamo per vari cambi nella preparazione ma senza strafare con il chilometraggio , in genere mi alleno per 110/120 chilometri a settimana , nella prima parte della stagione carico di più seppure svolga le sedute in pianura , successivamente puntiamo sulla qualità e generalmente cerchiamo di superare le 4 ore consecutive per gli allenamenti .

Come nasce la passione per il Trail ?
Amo il contatto con la natura seppure sia nato in pianura , mi trasmette delle sensazioni difficili da descrivere , le distanze che amo maggiormente variano dai 42 ai 60 chilometri però non posso negare che in futuro vorrei puntare a qualcosa di più corposo , la Brunello Crossing di 44 chilometri è un ottimo banco di prova .

La vittoria a Campo dei Fiori è stata il coronamento di un gran lavoro vero ?
Ho partecipato a quella gara con tanta felicità seppure provenissi da un infortunio e non avevo lunghe distanze sulle gambe , mi sono iscritto a luglio con la speranza di ottenere un bel risultato e ho centrato con molta soddisfazione l’obiettivo .

I tuoi punti di “riferimento” sono Pierantoni e Krupicka , ci vuoi parlare di loro per favore ?
Il primo lo conosco da tanti anni ed è un amico , quando iniziai con le gare vinceva spesso , mi sento molto vicino a lui , mi ci specchio per l’approccio alle gare , l’altro invece è una persona dal fisico particolare , di lui amo come si pone in gara , spesso sono rimasto stupito dal fatto che corre a petto nudo anche in condizioni atmosferiche estreme .

Come mai ami la salita ?
Ho fatto sci di fondo e MTB, sono sport molto faticosi , quando ero più piccolo mi sembravano più complicati , poi non so come mi sono innamorato della fatica , più la corsa è dura più mi diverto , è una condizione che adoro .

Hai fatto un pensierino sul TDG o sul Passatore o sulla TCV 103 km o sulla 100 miglia di Leadville ?
L’ultima che hai citato mi piacerebbe poter partecipare , molti ne parlano con tanto entusiasmo , per il TOR è ancora un po’ presto poiché ho altri progetti , sulla TCV 103Km invece sarei affascinato poiché si svolge qua in Valdorcia però nello stesso periodo ho il mondiale di 85 km , la 100 chilometri del Passatore ha un grandissimo fascino ma l’asfalto non mi piace .

Come vedi la crescita del Trail negli ultimi anni ?
Quando iniziai 5 anni fa non c’era tutta la gente di oggi alle gare, anche grazie ai marchi e alla spettacolarità dei luoghi il passaggio verso questa disciplina è cresciuto molto .
L’unico neo a mio modo di vedere sono le tante manifestazioni che nascono una dietro l’altra che si svolgono in luoghi veramente stupendi e non in tutte è possibile partecipare , serve una scrematura purtroppo .

Come è oggi il tuo rapporto con l’alpinismo ?
Di inverno o ad agosto talvolta faccio del trekking , niente di impegnativo però è una grande passione che coltivo volentieri per le sensazioni percepite .

Come ti nutrirai prima e dopo il Brunello Crossing , so che adori il panino “ludro” , qua si va avanti a pici , bistecche e vino ?
Sono un veneto atipico , bevo acqua pero ascolto molto volentieri chi parla di degustazione dei vini e sicuramente un calice di Brunello non lo disdegnerò .
Però se permetti un ottimo hamburger di chianina con quel vostro pane strepitoso non me lo perderò assolutamente .

A chi dedichi le tue vittorie ?
A tutti coloro che mi supportano , ossia la mia famiglia , gli amici , la mia ragazza , il mio allenatore Vittorio detto “Toio” e la mia fisioterapista Francesca , loro sanno bene quanto sacrificio ci sia dietro ogni chilometro .
Un particolare ringraziamento ai miei sponsor Scarpa per le calzature ,Karpos per l’abbigliamento di grande qualità e Osprey che mi fornisce gli zaini .


Una curiosità finale : perché sei stato soprannominato Clark Kent ?
È tutto legato alla pettinatura con la riga a destra e per gli occhiali che indosso , apparentemente sembro un giornalista ma in gara avviene una nemesi .

Please reload

Seguici

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Cerca per tag