Ita Marzotto...l'ultratrailer made in "Tuscany"

Oggi intervistiamo Ita Emanuela Marzotto che sabato 22 aprile si cimenterà nella 103 km del Tuscany Crossing . D: Benvenuta in Valdorcia , quali sono le motivazioni che ti hanno spinto a partecipare a questa manifestazione ? R: Abito in Toscana a Lucignano in provincia di Arezzo , il Tcv era nella mia lista degli eventi da almeno 3 anni , lo scorso anno ero alla Marathon des Sables e appena rientrata venni comunque a fare la scopa al Tcv . Quest'anno sono appena rientrata dall'Ultra Asia in Vietnam ma ho deciso di provare a partecipare comunque . inoltre l'idea di viaggiare in in sito Unesco è affascinante , i paesaggi sono favolosi e leniranno la fatica a cui andrò incontro D: Come spieghi questa tua passione per il Trail ? R: Ho iniziato tardi a correre 5 anni fa , in passato non avevo mai svolto atletica , prima di compiere 50 anni volevo correre la maratona di New York , poi durante la preparazione di questa ho partecipato alla 100 km del Sahara e da lì ho scoperto il trail che è molto più affine al mio amore per la natura . non sono veloce , ma riesco a resistere di solito sulle lunghe distanze e l'Ultra trail mi permette di vivere la natura nella sua essenza per lungo tempo . Inoltre amo lo spirito che si forma tra i partecipanti , è una solidarietà speciale . D: Come curi l'alimentazione , gli allenamenti e l'aspetto mentale ? R:Sono vegetariana e grazie a questa scelta ho trovato molti giovamenti durante le gare, per quanto riguarda gli allenamenti faccio 5/6 uscite settimanali , di cui un lungo per un massimo di 4/5 ore l'aspetto mentale lo ritengo la parte fondamentale per approcciare questo tipo di competizioni . Il pensiero positivo ti aiuta in tanti momenti quando stai per mollare la presa , me ne sono accadute tante di avventure in merito D: Puoi raccontarci alcuni aneddoti riguardo alle tue gare internazionali poichè possiamo considerarti una vera Globe-trotter in relazione ai paesi che hai visitato ? R : alla Marathon de Sables ero in tenda con Marco Olmo e ho cercato di carpire da lui quanto possibile. Al TdG , dovuto all'immensa fatica ho passato 2 ore di deja vu all'alba del terzo giorno ! Tipo delle allucinazioni costanti. In Australia per cercare di stare sveglia l'ultima notte, con oltre 450 km sulle gambe , seguivo le stelle cadenti ! D: Durante il TDG anche tu hai usato la tecnica dei microsonni come ha fatto Tagliaferri ? R: Per il TdG ho fatto allenamenti lunghi nel Canale Maestro della Chiana ogni 3/4 ore mi fermavo e dormivo 10 minuti ma poi, nella realtà della gara, solo la seconda notte al TdG sono riuscita a dormire un po' vista la fatica accumulata . sono rimasta molto colpita da quanto ha compiuto Massimo Tagliaferri , una impresa degna di un grande campione . D: Per il futuro ti vedremo impegnata nella 100 km del Passatore ? R: Come ti ho già spiegato l'asfalto non è il mio ambiente naturale , però è una gara ricca di fascino , lo scorso anno feci assistenza per un amico che aveva deciso di correrla , rimasi piacevolmente colpita da quanta gente si assiepa lungo le strade per incitare i centisti, mai dire mai , può darsi che un giorno mi decida a presentarmi ai nastri di partenza a Firenze . D : Hai uno staff che ti segue durante le tue prestazioni ? R : Innanzitutto Simona Barbagli dello studio Yoga e Pilates ad Arezzo , senza di lei non starei in piedi , Il mio fisioterapista Francesco dello studio Farnetani di Foiano, poi il mio allenatore Michele Graglia , vincitore di molte ultra fra cui la Grand 2 Grand l'anno che la feci io l'Artic Ultra e il Cro Magnon lo scorso anno . Infine per l'aspetto mentale un grazie va a Marco Olmo , per me rimane il più grande Trail Runner di tutti i tempi . D: Dopo la TCV di 103 km dove ti vedremo impegnata ? R: Farò l'Ultra Trail del Mugello , e a maggio vado in Galles per la Dragon's Back di 330km con 18000 metri di dislivello , ho avuto in omaggio un pettorale dopo la vittoria in Scozia lo scorso anno . D: Come ben sai in Valdorcia siamo famosi per il "terzo tempo " dopo l'arrivo , indipendentemente dalla posizione che occuperai , come festeggerai i tuoi 103 km ? Tu posso consigliare pici , bistecca e Vino ? R: Un buon piatto di pici al pomodoro annaffiati da ottimo vino saranno i benvenuti però credo che consumerò anche degli ottimi dolci del luogo poiché li adoro . Ma quello che conterà sarà l'ottima compagnia di tutti i finisher , sarà sicuramente il ricordo più bello dopo tante ore immersi nella natura Permettimi di fare un saluto e un ringraziamento a Roberto e a tutto il suo staff che si prodiga da diversi anni ad organizzare una gara del genere . È stato il primo a portare in Toscana un trail di oltre 100 km di livello .

Post in evidenza
I post stanno per arrivare
Restate sintonizzati...
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
LOGO TCO Buono.jpg

Contatti:

tel.3938656521

info@tuscanycrossing.com